Titolo:CONFINE INCERTO la passione per l'estremo attraverso gli occhi di chi resta
Autore:Maria Coffey
Casa editrice:Corbaccio
Quando Maria Coffev incontra e si innamora di Joe Tasker lui è un alpinista di notevole fama ed esperienza. Ha già tentato senza successo l'Everest e sta organizzando una nuova spedizione con il compagno di cordata Peter Boardman. Siamo nel 1982 e i due alpinisti vogliono salire l'allora ancora inesplorata parete nord-est dell'Everest. Non torneranno mai più e per molti anni non verrà trovata alcuna traccia dei loro corpi. Questo libro è il racconto di un amore, quello di una donna per un alpinista. Ma è anche il tentativo, da parte di chi resta, di spiegarsi il perché della passione dell'estremo. Ed è il racconto del commovente viaggio che Maria farà attraverso il Tibet con la vedova di Boardman sulle orme di Joe e Peter fino al campo base della loro spedizione. Un viaggio nel dolore ma anche in una natura così splendida da dare almeno in parte un senso alla tragedia. Una storia d'amore dunque, ma allo stesso tempo uno sguardo penetrante nel mondo degli scalatori professionisti da una prospettiva radicalmente diversa da quella delle storie di montagna " classiche ". E infine il tentativo di comprendere e di spiegare la passione dell'alta quota da parte di chi, a questa passione, ha pagato un prezzo altissimo pur non condividendola.
Titolo:LA MONTAGNA DI LUCE
Autore:Peter Boardman
Casa editrice: Corbaccio
È l'ottobre del 1976 quando giunge la notizia della straordinaria impresa di Peter Boardman e Joe Tasker. Questo libro è il resoconto appassionante di un grande evento alpinistico: la conquista della parete Ovest del Changabang, la più impegnativa parete di granito dell'Himalaya del Garhwal, in una spedizione leggera a due. Ma è anche la storia di come salire una montagna possa diventare uno scopo che tutto trascende, al di là di ogni considerazione su una probabile sconfitta. Ed è la storia della tensione e del reciproco isolamento che si creano in quaranta giorni di convivenza a due fino al momento della grande gioia per il successo. Condotta in povertà assoluta di mezzi, la salita alla parete Ovest è stata una pagina fondamentale nella storia dell'alpinismo pei quella freschezza, per quella imprevedibilità e per quella tenacia che sono le sue caratteristiche peculiari e che il libro rispecchia fedelmente.
Titolo:TENDE TRA LE NUVOLE
Autore:Monica Jackson - Elizabeth Stark
Casa editrice: Corbaccio
Nella primavera del 1955, appena due anni dopo la storica scalata alla cima dell'Everest compiuta da Sir Edmund Hillary, Monica Jackson, Elizabeth Stark ed Evelyn Camrass organizzarono la prima spedizione completamente femminile in Himalaya. Tende tra le nuvole è il resoconto memorabile e coinvolgente del loro viaggio nel Jugal Himal, una regione remota e inesplorata del Nepal. Con un equipaggiamento pesante e assolutamente obsoleto secondo gli standard moderni, e con un gruppo di sherpa, le autrici raggiunsero la cima di una montagna di oltre seimila metri alla quale diedero il nome di Gyalgen, in onore della loro guida sherpa. Scritto quasi mezzo secolo fa, Tende tra le nuvole si può a buon diritto considerare un classico della letteratura di montagna, non solo perché rappresenta un documento importante su una fase significativa della storia dell'alpinismo, ma anche perché riesce a trasmettere in modo vivido e immediato l'eccitazione di arrampicare in una delle più maestose regioni della terra.
Titolo:OLTRE IL RISCHIO conversazioni con gli alpinisti
Autore:Nicholas O'Connel
Casa editrice: Corbaccio
Se siamo affascinati dall'avventura di certo veniamo ispirati dalle avventure. E che cosa c'è di più coinvolgente degli uomini e delle donne che rischiano la vita e la salute per scalare pareti di roccia o vette coperte di ghiaccio? Oltre il rischio ci permette di avvicinarci maggiormente alla comprensione di coloro per i quali scalare è la forma massima di espressione. Queste approfondite interviste con alcuni degli scalatori più innovativi e completi, infatti, fanno luce sulle influenze, gli eventi, le filosofie che hanno modellato il loro personale approccio alla montagna. Nicholas O'Connell ha fatto le domande che ognuno di noi avrebbe voluto fare a personaggi quali Walter Bonatti, Reinhold Messner, Voytek Kurtyka e altri. Che cosa li ha spinti verso la montagna? Come mettono insieme le risorse fisiche, finanziarie ed emotive per continuare a scalare? Come affrontano il successo, le sconfitte, i pericoli inerenti a questo sport? In che misura pensano di aver contribuito alla crescita dell'alpinismo? Le loro risposte rivelano una grande varietà di opinioni sull'etica, sulle motivazioni, sui colleghi, e sul futuro dell'alpinismo. Gli alpinisti riflettono sui punti cardine della loro vita e sulle svolte significative, sulle conquiste dei loro contemporanei e sul posto che essi stessi occupano nella storia dell'alpinismo.
Titolo:UN POSTO IN CIELO diari di un eroe inconsapevole
Autore:Linda Wylie
Casa editrice: CDA & Vivalda editori
Anatolij Bukreev è l'uomo che in una notte di tempesta, nel 1996, lasciò a più riprese un campo sopra gli 8000 metri, da solo e senza ossigeno, per soccorrere un gruppo di alpinisti dispersi sull'Everest - senza arrestarsi prima di averli trovati tutti e aver portato in salvo quelli che erano ancora vivi. La presentazione di Galen Rowell riprende e conclude con competenza e autorevolezza la polemica scatenata dalle ingiuste accuse dell'alpinista americano Jon Krakauer nei confronti di Bukreev in occasione della tragedia sull'Everest. Galen Rowell parla della "grandezza" di Bukreev, e Linda Wylie nel suo saggio introduttivo che fa luce sull'ambiente da cui Bukreev proveniva e sulla situazione in cui tutti gli alpinisti sovietici vennero a trovarsi con il crollo del comunismo e l'azzeramento delle risorse destinate all'alpinismo, mette l'accento sulla sua profonda umanità. Grandezza e umanità emergono come una rivelazione dagli scritti di una semplicità e una schiettezza disarmanti di questo figlio del popolo, come amava definirsi, teso al suo dovere di alpinista e di uomo, totalmente inconsapevole del proprio eroismo.
pag 1 pag 2 pag 3 pag 4 pag 5 pag 6 pag 7 pag 8 pag 9 pag 10 pag 11 pag 12